Seleziona Pagina

Aspettando la Diga…

Aspettando la Diga…

Mentre Musk e Elkan dibattono di futuro, più prosaicamente e proletariamente il PD insieme ai 5Stelle si confrontano con Landini sul salario minimo garantito, per prepararci psicologicamente al salario del terzo millennio e indirettamente favorire la sostenibilità dei progetti di Elkan e Musk. Detto questo passiamo a Genova, dove in Porto, così dice la DIA, il traffico di droga è florido, supera Gioia Tauro ed è sopra anche a Livorno, insomma se si remescia poco in Porto con manufatti, e materie prime, la droga qui tira che è una meraviglia, fotografando spietatamente quello che industrialmente significhiamo per mafia e ‘ndrine, insomma giriamo la piantina dell’Italia e ci troviamo dove ormai siamo in pianta stabile dagli anni ’90, dove i vizi diventano virtù. Ora però aspettiamo la Diga, mentre il Mondo traccia nuove rotte che da qui al 2026, presenteranno una nuova logistica d’insieme che se a malapena riusciremo ad intercettare un 1% di traffico, ma di merci varie, ci sarà da stappare Taittinger, insieme ai nipoti di Spinelli e di Aponte.
Comunque l’importante è crederci, visto che siamo già arrivati al TAR con l’azienda firmata Rina e che avrebbe in mano il project del manufatto da varare. Pare che chi era in gara, abbia sollevato un dubbio che sarebbe venuto anche ad uno scemo, ma è possibile che il controllore RINA, passi al controllo di un project di una azienda RINA? Seguiremo gli sviluppi anche se tutto pare passerà sotto silenzio, un po’ come a Palermo riguardo il pizzo. Aspettando quindi la Diga, come l’aspetta il Commendator Spinelli, o almeno da quel che si legge nell’intervista di oggi su la Repubblica Genova IL LAVORO, Preziosi s’è portato avanti, ha ceduto il Genoa agli americani, cosa che a Spinelli, al quale noi genoani dobbiamo ancora fare un monumento, non era riuscito col Livorno. Ma tant’è qui a Genova, legati come siamo alla tradissione… alle pisse ed al porker coffi, del Genoa e sulla cessione, si deve dare voce al Commendatore.

Circa l'autore

IL LANTERNONE di Boccanegra

Pensionato, libero pensatore, nulla facente, amante dei cantieri dove poter suggerire agli operai il modo migliore per intervenire in tubature guaste e porvi rimedio, senza per questo essere brutalmente insultato. Se avanza tempo dipingo e scrivo brevi post su Faccialibro per amici trovati in rete, no perditempo

Articoli recenti