Seleziona Pagina

Il Sogno di un tifoso del Genoa, cioè il mio

Il Sogno di un tifoso del Genoa, cioè il mio

Per una sorta di strano miracolo, mettiamo che io sia in grado di decidere cosa fare di questa cosa che si chiama Calcio.
In poche parole se fossi il Presidente dei Presidenti, colui che ha potere decisionale assoluto e insindacabile.
Partiamo.
MERCATO: 15 giorni. MASSIMO 15 giorni.
CHIUSURA: una settimana prima dell’inizio dei ritiri. Punto.
UNA VOLTA L’ANNO. A Gennaio, ti concedo una settimana. Poi chi c’è c’è.
Fine.
Questo perchè credo che qualsiasi persona normale e dotata di sufficiente intelligenza, capisca quanto le regole che appunto regolano questo enorme Baraccone siano del tutto assurde. Perchè Logica imporrebbe di capire che una squadra qualunque essa sia, dovrebbe e quindi deve, essere fatta e completata PRIMA che incominci il così detto ritiro precampionato.
Il ritiro incomincia per esempio il 15 di Luglio? Benissimo, la squadra deve essere completata entro il 14.
Chi c’è c’è e chi non c’è sarà per la prossima volta.
Perchè intanto si toglierebbe dai coglioni tutta quella pletora di Asperti, di commentatori, di Siti internet, che ammorbano l’aria e le menti di noi tifosi per mesi e mesi.
Via, fuori dai coglioni tutti e se hanno scelto di fare questo lavoro, il tempo che hanno a disposizione è appunto 15 giorni.
Poi, si chiude baracca e burattini fino al prossimo anno.  E nel caso nel periodo di fermo ci si cerca un lavoro. Vero.

Ma se si parla di Mercato come si fa a non parlare dei Procuratori.
Indi, la soluzione è già bella che pronta: eliminarli.
Cancellare e proibire questa “professione” e se un calciatore non è in grado di scegliere da solo che cosa vuole fare e dove vuole andare, vuol dire che ha dei seri e grossi problemi di consapevolezza e di personalità.
A me son mai riusciti e mi dispiace per loro i miei amati genitori a farmi fare e a farmi andare dove volevano loro, pensa se ci riesce e ci riuscirebbe un Procuratore del menga.
Per cui cari calciatori, siete e dovete essere padroni del vostro destino e delle vostre scelte e non invece far guadagnare miliardi a qualcuno che si occupa di fare cose che potreste e soprattutto dovreste fare voi, da voi stessi.
Non a caso per quella che viene considerata la professione più vecchia del mondo, da sempre esiste chi si affanna a far lo stesso con quelle povere ragazze barra donne...
Pertanto, secondo regola da applicare immediatamente: fuori dai coglioni i Procuratori.
E che anche loro, si cerchino un lavoro. Vero.

Ovviamente visto tutto ciò, cartellini dei giocatori professionisti di proprietà della squadre.
“Eh ma belin abbiamo lottato per anni per non essere considerati delle vacche al mercato..” so già essere la vostra e di altri risposta. Ci sta e la comprendo pure se fossi nei vostri panni. Ma siccome sono il Presidente dei Presidenti, il Sovrano assoluto, dico che intanto al e nel mercato delle vacche ci siete lo stesso.
E se nel caso non aveste tutta questa libertà di scelta, con i miliardi che guadagnate credo possa essere un “sacrificio” del tutto sopportabile. Perchè ci sono milioni, miliardi di persone a questo mondo che non solo non hanno alcuna libertà di scelta, ma guadagnano stipendi da fame.
Vi faccio tanto per citarne uno solo un piccolo esempio, cari e poveri piccini ai quali verrebbero tolte libertà.
Parliamo di un giocatore da gotti, cioè non certo di campioni e fuoriclasse, quindi poniamo il caso di un giocatore che prendesse 7oo mila e passa euro l’anno.
Considerando la media del guadagno pro capite a livello europeo, infatti, si arriva a ben 27 anni di lavoro per raggiungere quell’incasso di oltre 7oo mila euros. Un tempo che diminuisce leggermente a 25 anni e 11 mesi se si prende in considerazione il guadagno medio di chi lavora in Italia, attualmente pari a circa 24 mila euro.
Ma che diventa di ben 88 anni e 9 mesi se si prende invece in considerazione lo stipendio medio della Bulgaria, che corrisponde a poco più di 7 mila euro.
Avete capito bene cari poveri giocatori che verrebbero vessati da queste mie regole?
Una persona normale, un tifoso italiano, ci mette  quasi 26 anni a guadagnare quello che un mezzo scarpone prende in Serie A in un anno
Pensa un pensionato. Con la minima.
Se poi si parlasse di campioni e i nomi li sanno tutti, ci si metterebbe 3/400 ANNI a guadagnare quello che prendono questi poverini in un anno e che fanno così tanti sacrifici e così tanto vessati nel caso.
Pertanto mi sembra che già con queste due o tre semplici regolette si parta già bene e come del resto si dice chi ben incomincia è a metà dell’opera. Ovvero la tanto poco ricordata saggezza popolare, che è maestra di vita.
Che ne dite?

Poi entrando nel tecnico, una serie A una B una C e al massimo due gironi da D. Ma forse.
Le società assumano osservatori e vadano per i campi a vedere giocare al Calcio.
Prestiti solo in una serie diversa di dove gioca la squadra e al massimo per due anni.
Così le responsabilizzi.
Nessun tipo di comproprietà nascosta da vendite diritto di riscatto e contro riscatto e altre amenità varie.
Comprare solo con soldi veri.
Normativa fiscale ad hoc per le società sportive.

Per adesso ho finito e non mi viene in mente altro. Nel caso si accettano suggerimenti.
Non credo che questo mio modo di vedere il Calcio possa sol che mai essere immaginato dai padroni del vapore, ma perchè non Sognare appunto.
Nel caso, sosteneste la mia candidatura, scrivetemi o telefonatemi ore pasti.
Lo so, ho mai fatto il Presidente del Castel di Sangro, ma hai visto mai che…
Sempre Alè Genoa.

Immagine di coperatina tratta da:
https://napolipiu.com/lapo-elkann-disegna-il-nuovo-logo-della-figc

 

Circa l'autore

Articoli recenti

Rubriche

Pin It on Pinterest

Share This