Seleziona Pagina

L’italia Partigiana

L’italia Partigiana

Certo che fa accapponare la pelle pensare ai Calamandrei e poi avere i Di Maio, i Salvini, gli Speranza. E’ un trauma.
L’italia, oggi, senza offesa per nessuno è l’Italia dei Partigiani di allora contro il regime nazi fascista.
E sempre senza offesa per nessuno e se qualcuno si offende spiace, ma francamente me ne infischio, oggi i Partigiani siamo noi, sono quelli che non accettano regole liberticide, fasciste e per questo le combattono, si oppongono, resistono. Lottano.
L’accostamento a quelle migliaia di persone che non hanno esitato a dare persino la Vita per una cosa che si chiama Libertà, può sembrare irriverente, blasfemo.
Io e per quel che vale quindi zero, non la penso così, penso che l’accostamento ci stia eccome, con l’unica differenza e non certo da poco, che allora si combatteva contro persone armate e pertanto, si era armati.
Oggi per fortuna o almeno fino ad oggi, non si combatte con le armi da fuoco ma tutt’alpiù con l’uso di una tastiera.
Ma le cause e i motivi sono gli stessi di allora. Forse addirittura peggiori, perchè in quel periodo storico esisteva sì una dittatura, anche feroce, ma almeno i dittatori non si nascondevano, avevano il coraggio e persin l’onestà di dirlo e di ammetterlo cosa fossero e chi fossero. E cosa volevano fare.
Oggi, quelli di oggi sono decisamente vigliacchi, perchè mascherati da democratici, fanno esattamente le stesse cose di allora, ma non hanno nè il coraggio di dirlo tantomeno il coraggio di assumersene la responsabilità di ciò che fanno.
Le, responsabilità.
Si manlevano pensando così di sciacquarsi la coscienza, addossando ogni decisione e responsabilità ai loro “sudditi”.
Perchè siamo sudditi, mettetevelo bene in testa.
Sudditi governati da un manipolo di Vigliacchi.
Perchè sono i Vigliacchi ad usare l’arma del ricatto.

Leggete queste bellissime parole qui sotto e chiudendo gli occhi per un attimo, ditemi e sinceramente se le aveste lette sol che un paio d’anni fa, non avreste pensato che fossero state scritte in quegli anni bui del 900.
Sono scritte oggi.
Viva i Partigiani.

Agosto 2021

Da oggi l’Italia è ufficialmente divisa in due popolazioni, in una sorta di guerra civile per ora non armata ma ugualmente intrisa di odio.
Schiavi e collaborazionisti da un lato,
liberi e ribelli dall’altro.

Persecutori i primi, perseguitati i secondi. E non vi è tema di errore in questa affermazione, tutt’altro che esagerata.
I secondi appartengono alla schiera di chi non potrà più sedersi ai tavoli del bar, prendere treni e aerei, entrare in molti posti pubblici e privati, fare convegni (e tutto quello che vieteranno nei prossimi tempi).
Tutto il potere politico, religioso, mediatico e poliziesco è con i primi,
pochi medici, scienziati e giuristi onesti e lucidi sono al fianco dei secondi.

Eppure, al di là dei risultati effettivi che questo Green Pass potrà ottenere (o, forse, proprio per la consapevolezza di questa insicurezza) il Leviatano non è tranquillo…

E fa bene a non esserlo.

Da domani si resiste e combatte.
Nella consapevolezza che il Green (transizione ecologica) Pass (totalitarismo oppressivo e violento) è solo l’inizio
.

Credo che sarà un fallimento, ma questo renderà ancora più crudeli i cuori dei cacicchi asserviti ai potentati che dirigono il mondo oggi, che nei prossimi mesi ci imporranno ben altre schiavitù, a partire da quella fisica dell’isolamento totale.

Si combatterà ovviamente non solo “nei termini della legge”, come si suole dire comunemente, ma proprio in nome della legge.
Qui il vero unico sovversivo e ribelle è lo Stato e tutti i suoi servi, politici in primis, traditori in primis, collaborazionisti in primis, mentre i veri rispettosi della legge (sia naturale che positiva) sono proprio i ribelli.
Perché la storia la fanno le minoranze libere e ardite.
Io non ho e non avrò il Green Pass.
Sono e rimango Massimo Viglione. Quello di sempre, come Dio mi ha creato.
Sarei stato contro Lutero nel 1517, con i giacobiti scozzesi contro gli inglesi nel XVIII secolo, con i vandeani in Francia durante la Rivoluzione, con gli insorgenti italiani contro Napoleone, con i “briganti” e gli zuavi contro la Rivoluzione Italiana, con i russi bianchi cento anni fa, con i Cristeros in Messico, con i carlisti in Spagna, tanto nel XIX che nel XX secolo.
Sono stato contro questa società tutta la mia vita, come ribelle al mondo (e al clero) del Sessantotto
Ora sono contro il totalitarismo sanitario, il loro Grande Reset e il loro Nuovo Ordine Mondiale, che è la cosa più vecchia del mondo. La punta finale della Rivoluzione gnostica, massonica, liberal-ugualitaria e mondialista.
Ecco. Mi farete perdere il lavoro? Mi prenderete per fame? Mi prenderete fisicamente?
È tutto già successo. Accade ai figli di Dio.
Ma, credo e spero, che questa volta siamo meno soli di quanto pensiate.
Invito solo tutti gli uomini liberi a non dimenticare mai chi ha tradito (politici in primis) e chi è fedele. Chi è con il “Green Pass” e chi con la libertà e la normalità umana. Chi tace, per paura o interesse personale, e chi si espone per l’interesse di tutti.

Da oggi, 6 agosto 2021, si comincia.

Massimo Viglione

Circa l'autore

Articoli recenti